ONLUS - Vigili del Fuoco Volontari Chivasso

Vai ai contenuti

Menu principale:

ONLUS

ASSOCIAZIONE AMICI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DI CHIVASSO ONLUS

L’ASSOCIAZIONE NASCE NEL MESE DI GENNAIO 2014 DA UN IDEA DEI VIGILI DEL FUOCO DEL DISTACCAMENTO DI CHIVASSO E DA ALCUNI AMICI, CIRCA UN MESE DOPO OTTIENE L’ISCRIZIONE NEI REGISTRI DELLE ONLUS AI SENSI DEL DECRETO 460.
LA SCELTA DI CREARE UNA ONLUS CIOE’ UN ASSOCIAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA’ SOCIALE E’ STATA VOLUTA PER RINNOVARE IL LEGAME TRA I COMPONENTI ATTIVI DEL DISTACCAMENTO VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DI CHIVASSO, CHE ANNOVERA TRA LE PROPRIE FILA ESCLUSIVAMENTE PERSONALE COMPOSTO DA CITTADINI CHIVASSESI E DEI COMUNI LIMITROFI CHE PER LIBERA SCELTA HANNO DECISO DI DEDICARE IL PROPRIO TEMPO LIBERO AI BISOGNI DELLA COLLETTIVITA’, E PERSONE COMUNI CHE, ANCHE SE NON FACENTI PARTE DEL DISTACCAMENTO, CONDIVIDONO LO STESSO SPIRITO DI CORPO E GLI IDEALI DI SOLIDARIERTA’ VERSO COLORO CHE NECESSITANO DI UN AIUTO AD AFFRONTARE LE DIFFICOLTA’ QUOTIDIANE.
ATTUALMENTE IL DISTACCAMENTO COPRE UN TERRITORIO CHE ANNOVERA CIRCA 20 COMUNI, E L’ ATTIVITA’ E’ DIRETTA A SALVAGUARDARE, MEDIANTE UN SOCCORSO TECNICO URGENTE, LA TUTELA DI PERSONE ANIMALI E BENI. TALE ATTIVITA’ NECESSITA LA DISPONIBILITA’ DI MEZZI E ATTREZZATURE ALL’AVANGUARDIA CHE CONSENTANO DI INTERVENIRE IN TEMPI BREVISSIMI AL FINE DI OPERARE E QUINDI DI RIPRISTINARE LA SICUREZZA NEI MODI PIU’ RAPIDI ED EFFICACI POSSIBILI.
DETTO QUESTO E’ UTILE SAPERE CHE, BENCHE’ IL DISTACCAMENTO DI CHIVASSO VENGA DOTATO DI MEZZI E DI ATTREZZATURE DI INTERVENTO DIRETTAMENTE DAL MINISTERO DEGLI INTERNI ATTRAVERSO IL COMANDO PROVINCIALE DI TORINO, E’ DA SEMPRE STATO NECESSARIO PENSARE AD UN AMMODERNAMENTO DI MEZZI ED ATTREZZATURE, A VOLTE LOGORE ED OBSOLETE CON FONDI PROPRI, REPERITI GRAZIE ALLA GENEROSITA’ DEL NOSTRO TERRITORIO.
AL FINE DI RAGGIUNGERE L’OBBIETTIVO SOPRA CITATO ABBIAMO DECISO DI INTRAPRENDERE QUALE PRIMA ATTIVITA’ LA RACCOLTA DI CONTRIBUTI DA PARTE DI ENTI, IMPRESE E DI SINGOLI CITTADINI, DA INVESTIRE, SOSTENENDO IL PROGETTO DI “UN APS PER CHIVASSO” OSSIA UN AUTOPOMPA POLIVALENTE DOTATA DI TUTTE LE ATTREZZATURE NECESSARIE PER AFFRONTARE CON EFFICACIA TUTTI GLI INTERVENTI TECNICO-URGENTI DEMANDATI AL CORPO DEI VIGILI DEL FUOCO QUALI AD ESEMPIO INCIDENTI STRADALI, INCENDI, DISSESTI STATICI , SOCCORSI A PERSONE E/O ANIMALI ECC.
ANCHE CON UN PICCOLO CONTRIBUTO VI CHIEDIAMO DI AIUTARCI AD AIUTARVI ED AIUTARE IL PROSSIMO.

IBAN: IT 67 J 02008 30370 000103076504
UNICREDIT BANCA







LO SAI CHE LE DONAZIONI A FONDAZIONE SONO DETRAIBILI E/O DEDUCIBILI?

L’Associazione Amici dei Vigili del Fuoco di Chivasso è un ente non profit, è più precisamente un'Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, cioè una Onlus. Questo acronimo sta ad indicare che il suo scopo primario è la solidarietà sociale, rivolta a soggetti svantaggiati, senza la ricerca di alcun vantaggio economico. E' per questo che sostenere le sue attività comporta delle agevolazioni fiscali Tutte le donazione eseguite in favore di Fondazione, anche quelle a seguito di iniziative come il Vino Santalucia, le Bomboniere o i Biglietti di Natale Solidali, sono considerate erogazioni liberali a favore di Fondazione e comportano il diritto di usufruire delle agevolazioni fiscali sotto forma di detrazioni d'imposta oppure come deduzioni dal reddito imponibile, come previsto dal nostro sistema tributario: gli oneri detraibili riducono l'imposta lorda dovuta dal contribuente mentre gli oneri deducibili abbattono il reddito imponibile, il privato cittadino può quindi valutare quale sia la forma che consenta di ottenere il maggior vantaggio fiscale.
LE DONAZIONI PROVENIENTI DA PRIVATI CITTADINI

In linea generale, si tratta di agevolazioni da far valere in sede di dichiarazione dei redditi (modello 730, modello UNICO). Le erogazioni liberali in denaro effettuate a favore di Onlus, consentono quindi i seguenti benefici fiscali, alternativi tra di loro: - un importo pari al 19% della donazione, entro il limite di 2.065,83 euro per ogni anno, detraibile dall'imposta calcolata sul reddito della persona fisica; (Es. Reddito anno 2011, erogazione liberale di € 2.500,00: beneficio fiscale € 2.500,00 * 19% = Euro 475,00, che vengono "restituiti" in sede di dichiarazione dei redditi/modello 730) - un importo deducibile dal reddito complessivo, pari al minore fra i due limiti del 10% del reddito dichiarato e i 70.000,00 euro annui (es. reddito al lordo dell'erogazione liberale di € 700.000,00, erogazione liberale di € 70.000,00 , il 10% del reddito al netto dell'erogazione liberale -€ 630.000,00- è pari a € 63.000 e quindi coincide, in quanto valore minore tra i due, all'importo che si porterà in deduzione) Per poter usufruire di questi vantaggi è necessario però effettuare la donazione tramite banca, ufficio postale o effettuando pagamenti tramite carte di debito, carte di credito, carte prepagate o assegni bancari circolari e non in contanti, perché questi sistemi consentono la rintracciabilità dell'erogazione.
ECCO COSA FARE

Una volta eseguita la donazione, è importante conservare l'attestato di avvenuto versamento (la ricevuta del bollettino postale, la contabile del bonifico bancario oppure la copia dell'estratto conto in caso di ricorso all'assegno o alle carte di credito/debito) presentandolo in occasione della successiva dichiarazione dei redditi (modello 730). La documentazione non deve essere allegata alla dichiarazione, ma conservata fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della stessa.
LE DONAZIONI PROVENIENTI DA AZIENDE

Le erogazioni effettuate dalle imprese non sono mai detraibili ma costituiscono esclusivamente un onere deducibile dal reddito imponibile. L'impresa che dona a Fondazione Banca degli Occhi può beneficiare delle seguenti deduzioni: - deducibilità integrale entro il 10% del reddito di impresa dichiarato fino ad un massimo di € 70.000 annui, in quanto ONLUS, che inoltre svolge attività in ambito scientifico; - deducibilità integrale entro il 2% del reddito d'impresa dichiarato fino ad un massimo di € 2.065,83, in quanto ONLUS; Anche in questo caso, per poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste, è necessario utilizzare sempre i canali bancari o postali.
ECCO COSA FARE

Una volta eseguita la donazione, è importante conservare l'attestato di avvenuto versamento (la ricevuta del bollettino postale, la contabile del bonifico bancario oppure copia dell'estratto conto in caso di ricorso all'assegno o alle carte di credito/debito).

Torna ai contenuti | Torna al menu